La Posta Elettronica

Che cos'è la posta elettronica?
La posta elettronica è un servizio che permette ad un mittente di inviare un messaggio a uno o più destinatari. Essa è stata inventata da Ray Tomlinson nel 1972.

Come funziona?
Per capire come funziona il trasferimento dati è importante parlare del server SMTP.
Esso si prende cura della consegna della posta inviata, fungendo un po' da postino digitale. Il nome deriva dal fatto che il protocollo da lui eseguito è appunto l'SMTP, ovvero il linguaggio standard per la trasmissione della posta elettronica.

In sostanza, il viaggio di un messaggio dal computer del mittente tramite server SMTP a quello del destinatario funziona così:

1. il mittente invia una mail tramite un client di posta elettronica (MUA= message user agent) a un determinato destinatario;
2. la mail viene inviata attraverso un server “trasportatore” detto MTA (Message Transfer Agent) del mittente;
3. Client e server iniziano una breve "conversazione", dove quest'ultimo controlla tutti i dati riguardanti la trasmissione del messaggio (es: mittente, destinatario, domini). Il linguaggio SMTP definisce solo la trasmissione del messaggio, non riguarda il contenuto;
4. la mail viene consegnata al server MTA del destinatario;
5. se non ci sono problemi il server MTA del destinatario consegna quindi la mail al server di posta elettronica in entrata MDA (Mail Delivery Agent), che immagazzina il messaggio in attesa che l'utente venga a rilevarlo.
Esistono due protocolli principali che permettono di rilevare la posta su un MDA :
• protocollo POP3 (Post Office Protocol): permette di rilevare il proprio messaggio ed eventualmente di lasciarne una copia sul server;
• protocollo IMAP (Internet Message Access Protocol): permette una sincronizzazione dello stato dei messaggi (letto, cancellato, spostato) tra più client di messaggeria. Con questo protocollo una copia di tutti i messaggi viene conservata sul server per poter assicurare la sincronizzazione.

Per evitare che chiunque possa consultare la posta di altri, l'accesso all'MDA è protetto da un nome utente (login) e da una password.
Il ritiro della posta avviene tramite un software detto MUA (Mail User Agent), cioè un client di messaggeria (es: Microsoft Outlook).

Com’è fatto un client di messaggeria?

Un client di messaggeria è un programma che permette di scrivere, consultare e inviare i messaggi elettronici, ed è generalmente composto da un certo numero di finestre. Quelle principali sono le seguenti:
• Posta in arrivo, Posta in entrata: è qui che arriva la posta;
• Posta inviata: sono le copie dei messaggi inviati;
• Posta eliminata, Cestino: è la posta cancellata. È tuttavia possibile recuperarla. Per cancellarla in modo definitivo è necessario svuotare il cestino;
• Cartelle: sono le caselle dove si possono classificare i messaggi.

Campi principali da riempire per inviare una mail
• Da: indirizzo di posta elettronica del mittente, di solito non si deve riempire questo campo dato che è definito dal programma.
• A: indirizzo di posta elettronica del destinatario.
• Oggetto: titolo che il destinatario vedrà quando leggerà il messaggio.
• Cc (Copia Carbone): permette di inviare la stessa mail a più persone scrivendo i rispettivi indirizzi separati da virgole.
• Ccn (Copia Carbone Nascosta): è come il Cc ma il destinatario non vede nell'intestazione la lista delle persone a cui viene inviata la mail.
• Messaggio: testo della mail con eventuali allegati (file audio,testo,video ecc.).

Vantaggi
Il principio di utilizzo è relativamente semplice perché, come nel servizio postale classico, basta conoscere l'indirizzo del destinatario per inviargli un messaggio.
I due principali vantaggi sono la rapidità di trasmissione e il costo ridotto (costo globale della connessione a internet).
In più, permette di inviare istantaneamente un messaggio a varie persone.

Svantaggi
Sono principalmente lo spam e il phishing.
Lo spam è la posta pubblicitaria indesiderata che può essere molto pericolosa se fa parte di un tentativo di phishing, cioè il tentativo da parte dello spammer di scoprire informazioni personali, codici di accesso o dati finanziari. Il primo scopo dello spam è di fare della pubblicità al minor costo attraverso l'invio massiccio di posta elettronica non richiesta. Gli spammer raccolgono gli indirizzi elettronici su internet (nei forum, nei gruppi di discussione, ecc.) grazie a dei software, chiamati robot, che scorrono le diverse pagine e immagazzinano al passaggio tutti gli indirizzi elettronici che figurano in un database.

Inconvenienti dello spam
• lo spazio che occupa nelle caselle postali delle vittime;
• la difficoltà di consultazione dei messaggi personali o professionali all'interno dei numerosi messaggi pubblicitari e l'aumento del rischio di cancellazione per sbaglio o della non lettura dei messaggi importanti e la perdita di tempo che ne consegue;
• il carattere violento dei testi o delle immagini veicolati da questi messaggi, che possono talvolta urtare la sensibilità dei più giovani;
• la larghezza di banda sprecata sulla rete.

Come combattere lo spam
Gli spammer usano generalmente degli indirizzi di invio falsi, quindi è totalmente inutile rispondere. Inoltre una risposta può indicare allo spammer che l'indirizzo è attivo.
Si possono prendere provvedimenti come:
• installare dei software antispam che permettono un filtraggio della posta prima di consegnarla ai destinatari;
• non inoltrare messaggi a troppi contatti, le liste sono delle miniere d'oro per i collezionisti di indirizzi;
• evitare il più possibile di pubblicare il proprio indirizzo su forum e siti internet.

Posta elettronica certificata (PEC)
È molto simile alla tradizionale posta elettronica, ma ha interessanti caratteristiche aggiuntive:
• rilascia al mittente una ricevuta che costituisce la prova legale dell’avvenuta spedizione del messaggio;
• fornisce all’utente la certezza dell’invio e della consegna (o della mancata consegna) della mail al destinatario;
• grazie a dei protocolli di sicurezza garantisce la certezza del contenuto non rendendo possibile nessuna modifica al messaggio;
• i gestori avvisano il mittente delle fasi del processo di spedizione, anche degli eventuali errori;
• in ogni avviso è inserito un riferimento temporale che certifica data e ora delle operazioni descritte.
Nel caso in cui il mittente smarrisca le ricevute, la traccia informatica delle operazioni svolte viene conservata per 30 mesi dai gestori in un apposito registro informatico. Questo ha lo stesso valore giuridico delle ricevute.

Vantaggi
 semplicità;
 sicurezza;
 valore legale;
 privacy totale;
 no virus e spam;
 risparmio economico e temporale;
 comodità;
 costo fisso (la PEC standard offre 1GB di spazio per 5€ all’anno).

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License